Rieccoci alla seconda puntata della nostra storia.

Una delle prime decisioni del neonato Club fu di aderire alla FIVS - Federazione Italiana Volo Simulato; federazione ben vista all'Aero Club d'Italia come specialitÓ autonoma, alla pari delle altre specialitÓ: volo a motore, volo a vela, aeromodellismo ecc. ecc. e presente inoltre nella FAI - Federazione Aeronautica Internazionale.

La volontÓ di confrontarsi con altri piloti virtuali spinse il Club, dopo alcune gare locali per la qualificazione dei soci, a partecipare alle varie finali nazionali di volo simulato. Si tratt˛ di gare ad handicap, esclusivamente VFR, che basavano la classifica sui tempi impiegati e sulla capacitÓ di oltrepassare determinati gate in zone molto particolari. I soci del club si fecero onore; si possono trovare tutte le varie classifiche cliccando sulla pagina delle gare.

Iniziarono i primi corsi VFR e IFR; la consegna degli attestati come tradizione alla cena di fine corso. Fu nominato Socio Onorario dell'Avio Club Virtuale Padova il Com. Eugenio Poggini, Presidente dell'Aero Club di Padova, per la sua disponibilitÓ come istruttore di altimetria nei corsi VFR e di alcune materie nei corsi IFR. Inoltre, caso unico per l'epoca, vantando un'esperienza ultraventennale come controllore di traffico aereo svolse, per tutti i soci, un corso di fonia in lingua inglese. L'occasione per la consegna di una targa ricordo al Com. Poggini arriv˛ ad una cena di fine corso nel ristorante attiguo all'aeroporto.

Il club volle farsi conoscere ai molti simmers; le attivitÓ si infittirono con grande partecipazione dei soci. Dimostrazioni di volo simulato si effettuarono all'interno di manifestazioni aeree negli aeroporti di Comina, di Istrana, e nelle aviosuperfici di Cassola - Bassano del Grappa e di S. Stino di Livenza, si organizz˛ inoltre una visita alla torre di controllo dell'aeroporto di Tessera. Molti giornali locali diedero risalto a questa particolare novitÓ, alcune foto si trovano nella sezione "Soci Fondatori".

La necessitÓ di spazi adeguati alle attivitÓ del Club portarono alla ricerca di una nuova sede pi¨ consona. Ma questa storia verrÓ raccontata nella prossima puntata.

Marino Mantieri

continua)

   
 

Orario Meridiana 1999


Manifesto della Comina


Articolo su Istrana


Il Comandante E.Poggini








 

 

Torna alla Home Page      © 1999-2010 A.C.V. PADOVA